Fallisce prova giubbotto anti accoltellamento, collaudatore condannato a sei mesi

Fallisce la prova del giubbotto anti  accoltellamento, il collaudatore viene condannato a sei mesi.

Protagonisti della singolare vicenda due amici finiti entrambi nei guai. Punti di sutura per uno e prigione per l’altro.

E’ stato condannato a sei mesi di reclusione il collaudatore del giubbotto anti accoltellamento, che su invito dello stesso inventore, durante la prova, gli ha inferto una coltellata profonda facendolo finire all’ospedale. Collaudo fallito, condanna per il collaudatore e punti di sutura all’inventore. Insomma, oltre al danno la beffa. Entrambi ne hanno pagato le conseguenze. Il singolare episodio è accaduto in Canada e ha come protagonisti due amici finiti nei guai. L’inventore è Justin Harder che orgoglioso della sua ultima creazione, un giubbotto anti accoltellamento, invita l’amico 21enne Clavin Clackson, anche lui aspirante inventore a fare da collaudatore. In poche parole, Harder dovrebbe indossare il giubbotto che protegge dalle coltellate e Clackson avrebbe il compito di prendere il coltello e colpire l’amico, il quale non rischierebbe nulla. Ed è proprio lo stesso Harder a convincere l’aspirante collaudatore sull’efficacia della sua creazione. A questo punto l’inventore indossa il giubbotto e resta in attesa della coltellata. Clackson, non ha alcun motivo per dubitare dell’amico e perciò prende il coltello e lo colpisce. Ma qualcosa non funziona. Il grido di dolore di Harder alla coltellata inferta, è la dimostrazione lampante che il collaudo è fallito. Il coltello ha trapassato il torace ferendo l’inventore in modo piuttosto serio. Ma le sorprese non si concludono qui. La vicenda finisce in tribunale e il collaudatore viene condannato a sei mesi con l’accusa di lesioni colpose.

Rossella Biasion