Cina, bambino suicida su ordine del maestro

Cina, bambino di 10 anni si suicida a scuola su ordine del maestro.

La vittima è un alunno che, per motivi ancora tutti da chiarire, si è lanciato dalla finestra della scuola ubicata al 30esimo piano di un grattacelo. Sulla vicenda indaga la polizia.

Si sarebbe suicidato su ordine del maestro. E’ l’incredibile vicenda accaduta in Cina dove un bambino di 10 anni si sarebbe lanciato dal trentesimo piano della finestra della scuola, per eseguire gli ordini del suo maestro che lo aveva precedentemente sgridato. Una storia davvero drammatica che presenta alcuni lati oscuri ancora tutti da chiarire. Sull’accaduto sta indagando la polizia. Quel giorno nessuno avrebbe potuto mai immaginare che di lì a poco in quella classe, si sarebbe consumata una tragedia così grande. Secondo una prima ricostruzione, tutto sarebbe scaturito da una lettera di autocritica e scuse, ordinata dal maestro alla piccola vittima, come punizione per aver disturbato in classe durante una gara di oratoria. Non avendo eseguito questo ordine, sarebbe lo stesso maestro a dire al bambino di saltare dalla finestra della scuola che si trova all’interno di un grattacielo di 30 piani. Cosa sia successo negli istanti successivi al momento non è dato sapere e sarà compito degli inquirenti far luce sulla vicenda. Di certo c’è che l’alunno si è veramente lanciato dal 30esimo piano, lasciando i compagni e lo stesso maestro agghiacciati dal gesto improvviso. Immediatamente sono stati allertati i soccorritori, ma invano, a causa dell’altezza il bambino si è sfracellato contro un’auto parcheggiata morendo sul colpo. La portavoce della scuola ha riferito alla polizia che l’alunno era in castigo con altri compagni per aver disturbato durante un evento, imputando il lancio della finestra a un tragico incidente. Di diverso avviso i genitori della vittima che insistono sulla responsabilità del maestro.

Rossella Biasion