I NOSTRI CONSIGLI PER IL FUNERALE

NON FATEVI TRUFFARE – VADEMECUM ANTITRUFFA

Outlet del Funerale Pubblicità contro i prezzi dei funerali

Outlet del Funerale Pubblicità contro gli alti prezzi dei funerali

Nonostante le numerose indagini svolte da quasi tutte le Procure d’Italia è ancora molto diffusa la deprecabile consuetudine da parte di alcune imprese e agenzie di pompe funebri di cercare di accaparrarsi in modo illegale e moralmente riprovevole i funerali. (solo a titolo di cronaca abbiamo già riportato: http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/07/21/appalti-e-mazzette-il-business-del-caro-estinto-dal-san-raffaele-fino-al-comune-di-milano/146725/)

La persona che ha avuto un lutto è spesso visto più come un “pollo” da spennare che come un Cliente.

Sempre più frequentemente si scoprono nuovi comportamenti, inaccettabili e contrari alla legge, astutamente messi in pratica da impresari funebri e persone loro compiacenti che, senza scrupolo, guadagnano sulla morte delle persone e sul loro funerale.

A titolo di esempio si possono citare:

  • segnalazioni, più o meno esplicite, di nominativi di imprese funebri da parte di infermieri, personale para sanitario,  o persone varie che stazionano senza diritto nelle camere mortuarie, nelle strutture sanitarie/di cura, che hanno lo scopo di guadagnare una provvigione (si arriva sino a €. 400,00) su un funerale;
  • presenza di impresari funebri (o di loro dipendenti) nelle vicinanze delle camere mortuarie degli ospedali o delle case di cura, che stazionano vizino all’ingresso senza alcuna ragione di servizio e che hanno il solo scopo di vendere funerali a chi arriva magari con il sacchetto dei vestiti del defunto;
  • interventi di operatori (anche volontari) alle dipendenze di imprese funebri nel trasferimento di salme all’interno di strutture sanitarie;
  • stazionamento di carri funebri all’interno delle strutture sanitarie per finalità di pubblicità occulta;
  • segnalazione da parte di personale delle camere mortuarie di “false convenzioni” con imprese funebri locali che generano la falsa aspettativa di poter avere funerali a prezzi pseudo-vantaggiosi;
  • pressioni sui dolenti per utilizzare per il funerale obbligatoriamente una determinata impresa funebre che opera in esclusiva in quella struttura;
  • mancata effettuazione di preventivi funebri, preventivi di funerali spesso non rilasciati o rilasciati incompleti o con prezzo illeggibile, da parte di alcune imprese/agenzie di pompe funebri, che, al termine del funerale, presentano poi conti salatissimi;
  • richiesta di rimborso di fantomatiche spese (quali diritti comunali per sepoltura o cremazione, bolli, e quant’altro) gonfiate senza dimostrazione dei reali documenti sottostanti.
Outlet del Funerale Pubblicità

Outlet del Funerale Pubblicità contro imprese funebri che operano negli ospedali

In un particolare momento di dolore e di tristezza,quale è il funerale, raccomandiamo di porre grande attenzione per prevenire eventuali comportamenti scorretti; ricordate che chi tenta di acquisire in modo non corretto un funerale, ben difficilmente sarà corretto a funerale terminato, sia nelle modalità con le quali fornirà il servizio che al momento di presentare “il conto”.

Pertanto:

  • diffidate da chi Vi contatta all’interno degli ospedali offrendo funerali o segnalando una particolare impresa funebre che è “brava” e fa dei “bei funerali” a dei “bei prezzi”(l’intermediazione dei funerali è vietata per legge per ovvi motivi di speculazione sulla morte altrui)
  • sono rari i consigli “disinteressati” di un infermiere, di una badante troppo intraprendente, del personale parasanitario delle camere mortuarie, o di una persona “lì per caso”(la segnalazione di imprese funebri è vietata per legge agli operatori sanitari e parasanitari)
  • ricordate che la segnalazione di un funerale può comportare un guadagno (in nero) anche di €. 400,00; riflettete, ci sono persone che lo fanno di mestiere e spesso si presentano all’improvviso come vecchi conoscenti …..
  • non affidateVi ciecamente alla prima impresa funebre, specialmente se Vi contatta “casualmente” dopo il decesso ed è lì in opsedale; il caso non esiste, c’è chi vende loro i vostri numeri telefonici e stanno solo speculando sul Vostro dolore cercando di accaparrarsi un funerale (vietato per legge)
  • nella scelta dell’impresa funebre valutate attentamente il grado di competenza e professionalità di chi vi sta di fronte, verificate di persona l’esistenza di mezzi e personale dipendente e valutate bene se quanto offerto corrisponde a quanto richiesto. Spesso vengono aggiunti beni non necessari (magari le maniglie, gli addobbi, i frigoriferi, le pubblicazioni, i manifesti, il trasporto a cassa aperta in luogo diverso da quello del decesso) e molte strutture sanitarie o para-sanitarie spingono perché il defunto venga portato via e condotto nelle case funerarie delle imprese funebri (così loro risparmiano nella gestione delle camere mortuarie)
  • ricordate che la maggioranza dei funerali viene venduta dalle agenzie funebri che altro non sono che intermediari. L’agenzia funebre non svolge in proprio il funerale ma lo sub-appalta a  strutture sterne. E’ ovvio che baypassate le agenzie funebri e vi rivolgete direttamente alle imprese funebri che operano in proprio e svolgono direttamente loro il funerale risparmiate
  • nel caso in cui l’impresa funebre vi sottoponga il trasferimento alla loro “casa funeraria” valutate bene se sia il caso di farlo e ne abbiate veramente bisogno per esigenze sanitarie. Pensateci bene prima e, visto che spesso arrivano conti salatissimi da albergo a cinque stelle, se proprio volete farlo fatevi dare un preventivo firmato prima (dopo è tardi)
  • se possibile, delegate a un famigliare emotivamente meno coinvolto le procedure per lo svolgimento del funerale o fatevi accompagnare da una persona psicologicamente meno coinvolta e più obiettiva
  • stabilite a priori un livello massimo di spesa per il funerale che desiderate; spesso l’impresa funebre non bada alle vostre esigenze ma cerca di vendervi tutto e di più
  • non fatevi abbindolare dalla iscrizione a società per la cremazione; valutate bene se facciano al caso vostro in quanto spesso sono inutili, costose e servono all’impresa funebre per prenotare l’esecuzione futura del vostro funerale e accaparrarsi la vostra cremazione
  • l’impresa funebre deve distinguere dal prezzo del funerale i rimborsi spese (per imposte, concessioni comunali, bolli,..). Nella stragrande maggioranza dei casi viene fatto un unico conteggio con un unico importo (comportamento scorretto)
  • sappiate che il diritto di cremazione che si versa a qualsiasi forno crematorio è di massimo 500-600 euro (forno pubblico o privato che sia). Spesso tali prezzi si riducono in quanto i forni crematori applicano tariffe agevolate e sconti per i residenti o per i decessi avvenuti nel territorio del Comune ove ha sede il tempio crematorio (tipico il caso di Milano)
  • accertatevi bene dei diritti di sepoltura e di concessione comunale per i loculo; se dubitate telefonate direttamente al Comune (i prezzi ve li dicono) in quanto spesso le agenzie funebri hanno l’istinto di gonfiarli
  • pretendete un preventivo del funerale scritto, con il dettaglio di ogni prestazione e di ogni fornitura correlata al funerale (diritto consentito dalla legge)
  • confrontate quanto richiesto per il funerale con i listini esposti nel negozio e scoprirete che oltre il 90% delle imprese funebri non ha il listino ma opera “a braccio”. Se non vedete il listino dei prezzi dei funerali o vedete che chi vi sta vendendo il funerale non lo utilizza, richiedetelo; se non c’è il istino meglio andarsene!
  • confrontate più preventivi funebri; chi lavora bene non ha paura dei confronti
  • ricordatevi che la fattura deve essere emessa per l’intero importo, ed il funerale non deve costare di più se chiedete la fattura (comportamento vietato per legge)
  • ricordate che il funerale è esente da IVA (alcune imprese chiedono il pagamento pure di quella!)

Vi invitiamo a segnalare alle autorità competenti (Polizia o Carabinieri) – senza alcun timore – ogni comportamento che considerate scorretto. OUTLET DEL FUNERALE® e gli altri Impresari “seri” del settore Vi ringraziano per il tempo che avete dedicato a leggere questo documento, e si augurano che con il Vostro comportamento possiate aiutarli a contribuire a una maggiore trasparenza e correttezza del settore.