Troppo shopping, il fidanzato si suicida

Dopo cinque ore di shopping con la fidanzata si lancia dal settimo piano e muore.

La vittima è un 38enne cinese esasperato dalle interminabili soste della donna in tutti i negozi del centro commerciale: a scatenare il folle gesto l’ennesimo acquisto di un paio di scarpe.

Ha seguito per cinque ore come un cagnolino la fidanzata intenta a far shopping e, stremato dall’ennesima discussione, si è lanciato nel vuoto dal settimo piano del centro commerciale. Il fatto è accaduto a Xuzhou in Cina e la vittima è un 38enne esasperato dallo sfrenato shopping della fidanzata. Così quella che doveva essere una giornata piacevole si è trasformata in una tragedia. Pare che a originare il gesto sia stata un’accesa discussione tra i due fidanzati, dopo la sosta della donna nell’ennesimo negozio di scarpe: l’uomo, perse le staffe, ha gridato contro la donna che “di scarpe ne avesse già a iosa”. La fidanzata, stizzita, inveisce contro la vittima con frasi tipo: “I soldi sono miei e li spendo come mi pare!”. Il poveretto, senza più proferire parola, dopo aver posato sul pavimento tutti i sacchetti, è salito sul parapetto e si è lanciato nel vuoto dal settimo piano. Inutili i soccorsi, il 38enne è morto sul colpo. A raccontare quanto è accaduto sono tutte le telecamere di videosorveglianza che hanno ripreso il momento cruciale della scena.

Quello avvenuto in Cina è assolutamente un caso limite ma lo shopping femminile spesso porta davvero all’esasperazione. Capita sovente nei centri commerciali di vedere donne con gli sguardi tipicamente “eccitati” da febbre da compere e uomini che, con spalle curve e sguardo da cane bastonato, tra un rimbrotto e l’altro ne inventano veramente di tutti i colori per scappare da quell’incubo!

 

Rossella Biasion