Rischio infezioni a contatto col morto

Qual è il rischio di infezioni se siete venuti a contatto col morto.

Quali misure da adottare e cosa bisogna evitare per non incorrere il rischio di infezioni se avete avuto un contatto con una persona deceduta.

Ci sono situazioni particolari in cui potreste venire a contatto con un morto o anche più persone decedute. Ciò potrebbe avvenire in un incidente stradale, aereo, in mare, oppure un attentato, un terremoto, un’epidemia o tutte quelle specifiche circostanze in cui le operazioni di soccorso necessitano più tempo del previsto. Se vi doveste trovare malauguratamente in una di queste condizioni e venire a contatto col morto, bisogna fare molta attenzione perchè potreste essere a rischio di infezioni. Se chi è vicino a voi non respira più, in ogni caso evitate di toccarlo o scuoterlo, soprattutto se siete feriti e se anche la persona deceduta lo dovesse essere. Questo a maggior ragione se non conoscete chi vi sta accanto. Il contatto tra il sangue dello sconosciuto e il vostro potrebbe causare un alto rischio di contagio per l’epatite e ancor peggio per l’Hiv. Fate anche molta attenzione a salivazione, e a tutto ciò che potrebbe spurgare dagli orefizi dello sconosciuto morto. Se siete molto vicini e non riuscite a spostarvi da quella posizione, cercate in ogni modo di non toccare nulla. Piuttosto, se per caso doveste avere con voi una giacca o un maglione in più e siete in grado di toglierlo, coprite il volto della persona morta. Se avete un fazzoletto o un altro indumento, copritevi bocca e naso così eviterete di inalare eventuali esalazioni. Una volta tratti in salvo, in caso di contaminazione mucosa che può essere congiuntivale, nasale o orale, se siete in grado lavatevi abbondantemente con una soluzione fisiologica.

Rossella Biasion