Renzi: il 16 dicembre ci saranno i funerali di Tasi e Imu

Tasi e Imu in sala rianimazione. Presto ci lasceranno.

Presto un funerale al quale tutti saremo invitati a partecipare.

A darci la notiza dell’addio della Tasi e dell’Imu è stato proprio il nostro presidente del consiglio Matteo Renzi. Al loro funerale Renzi ci invita in occasione di un intervista presso l’emittente radiofonica Rtl e ci esorta anche a cerchiare la data del 16 dicembre sul calendario, giorno in cui si pagherà per l’ultima volta la tassa sulla prima casa. Sembra che dopo aver pagato la seconda rata della Tasi potremmo finalmente dimenticarci della sua esistenza perchè verrà cancellata dall’elenco delle tasse da pagare sulla casa. In alcuni dei post su twitter, uno dei canali social più utilizzati da Renzi, si comunica che queste due tasse – appunto Imu e Tasi – non saranno le uniche a lasciarci. Entro cinque anni prevede un forte ridimensionamento verso il basso dei contributi dovuti dai cittadini allo stato. Sembra che Renzi questa volta voglia fare il bene degli italiani e fa “orecchie da mercante” alle minaccie e alle intimazioni che provengono dall’Ue alla quale – tra l’altro – risponde che è l’Italia a dover decidere quali tasse pagare e non Bruxelles. Tra l’altro alcuni rumors annunciano che il taglio delle tasse sugli immobili non riguarderà solo la famosa “prima casa”. L’obiettivo è eliminare ogni tipo di imposta sugli immobili. Sarò vero oppure bisogna aspettarsi di essere delusi per l’ennesima volta? Per ora solo promesse. Molti italiani sono figli legittimi di San Tommaso: finchè non vedo non credo. Per ora confidiamo in Renzi e prepariamoci a pagare la tassa del 16 dicembre relativa all’Imu. Anno nuovo vita nuova. Chissà cosa ci riserverà il 2016 o cosa ci proterà la befana: cenere e carbone oppure dolci caramelle?

Enrica Marrelli