Reati pena di morte Usa

L’America è l’unico paese occidentale in cui è prevista la pena di morte.

Negli Usa in 37 stati su 50 alcuni reati vengono ancora puniti con la pena capitale.

La pena di morte è sicuramente uno degli argomenti più discussi del nostro secolo. Nel mondo, ancora 76 paesi praticano la pena capitale per punire alcuni reati. Per quanto riguarda il mondo occidentale, gli Stati Uniti, restano l’unico paese in cui è ancora applicata la pena di morte.

La pena di morte arrivò in America con gli inglesi. I condannati per omicidio, adulterio, alto tradimento, stregoneria e tanto altro, venivano impiccati pubblicamente in piazza.

Nel corso degli anni, questa brutale esecuzione è cambiata nei metodi. Successivamente all’impiccagione, vennero introdotte la fucilazione e l’uso della camera a gas. Ma il metodo più brutale resta sicuramente l’uso della sedia elettrica, in quanto non provocava da subito la morte del condannato ma lo costringeva ad una lenta e lunga agonia.

Dopo tante battaglie contro questi metodi feroci e disumani, nel 1977 fu introdotto l’uso dell’iniezione letale, che prevede l’immissione di veleno nelle vene del condannato. Quest’ultimo di solito attende anche decenni nel braccio della morte prima di ricevere l’esecuzione.

Ad oggi i reati punibili negli Usa con la pena di morte a livello federale sono l’omicidio plurimo, omicidio aggravato, alto tradimento, spionaggio o circolazione d’informazioni delicate che possono mettere in pericolo il proprio paese, terrorismo, omicidio di poliziotti, agenti, pompieri, stupro e violenza su minori, tortura sulla vittima.

Nella storia, il Texas è lo stato Americano in cui sono state fatte più esecuzioni. L’ONU ha più volte invitato l’America ad abbandonare questo atroce atto contro l’umanità. Nel 2013 le condanne per pena di morte negli Usa sono state 95, mentre nel 2014 il numero è sceso a 77.

Sabrina Piantadosi