Muore a 17 anni per leucemia, pensava fosse raffreddore

Studentessa inglese muore a 17 anni per leucemia fulminante, pensava fosse un raffreddore.

Dalla diagnosi del medico alla morte sono passati solo pochi giorni. La giovane era convinta di avere un semplice raffreddore.

Pensava fosse un raffreddore, invece una settimana dopo il medico le ha diagnostico una leucemia fulminante. E’ stata spezzata così all’improvviso la vita di Catherine Buchana, studentessa 17enne inglese. Una ragazzina dolce e piena di vita, con tanti sogni da realizzare, spenti insieme a quella terribile sentenza: leucemia. La giovane era raffreddata da un po’ di giorni, ma nessuno avrebbe mai immaginato che dietro a quei banali sintomi si nascondesse una forma di patologia così aggressiva da non lasciarle scampo. Una malattia che l’ha strappata alla vita in pochi giorni. Catherine aveva da poco iniziato il suo ultimo anno di liceo e stava incominciando a compilare la domanda per iscriversi all’università. Voleva diventare una scienziata e chissà se il destino crudele non avesse messo lo zampino, forse sarebbe riuscita a dedicarsi alla ricerca delle malattie rare, come la leucemia che l’ha uccisa. A distanza di due anni dalla prematura morte, la famiglia e gli amici della giovane stanno portando avanti una massiccia campagna di sensibilizzazione verso la leucemia, affinché in futuro non vengano spezzate altre vite a causa di una patologia così fulminante come quella che ha colpito Catherine. Oggi più che mai vogliono raccontare il grande shock subito per l’improvvisa perdita. Nessuno però avrebbe mai potuto immaginare che i sintomi accusati dalla 17enne inglese fossero imputabili a una leucemia fulminante. E ora chi sta combattendo in nome di Catherine, spera fortemente che la ricerca faccia passi avanti salvando altre giovani vite.

Rossella Biasion