Marito tiene nel frigo moglie morta per 5 mesi

Ci sono amori che non finiscono mai, a costo di “congelarli” per sempre e tenerli con sé.

Un marito cinese, mal sopportando la perdita della cara moglie, ha deciso di tenere nel frigo di casa il suo corpo.

Jiang Maode è un uomo cinese di 53 anni, con un figlio e perdutamente innamorato della moglie, Yang Huiging che è morta di leucemia dopo un lungo periodo di malattia. Per 5 mesi dopo la morte della moglie l’ha vegliata e custodita nella cella frigorifera di casa.

Dopo essere stato fotografato mentre accendeva bastoncini di incenso vicino al corpo della moglie è stato denunciato alle autorità alle quali ha dichiarato in un’accorata confessione:

«Prima di morire le ho promesso che l’avrei tenuta in casa con me. È stata lei a chiedermelo, non potevo sopportare di lasciarla e di essere separato da lei. Quando torno a casa parlo spesso con lei per più di un’ora su tutto quello che è accaduto durante il giorno».

Il vedovo sconvolto si comporta come se la moglie fosse viva, le parla e le fa visita tutti i giorni. Poiché in Cina è autorizzata la cremazione, il figlio della coppia spera che il padre si convinca a lasciarla, ma l’uomo sembra essere intenzionato a vivere il resto della vita con il corpo congelato della moglie in casa, come se nulla fosse accaduto.

È decisamente un modo originale e macabro per affrontare il lutto, la crioconservazione permetterà di mantenere il corpo inalterato solo per qualche tempo. Nel mondo della robotica e della cibernetica si potrebbero consigliare soluzioni alternative ai vedovi disperati come Jiang Maode: un robot che riproduce le fattezze della moglie sarebbe una compagnia decisamente più “vivace” e interattiva.

Le autorità, intanto, hanno aperto un fascicolo di indagine. In attesa dell’esito, il vedovo inconsolabile continuerà a vegliare sulla moglie amata fino a quando forse si stancherà della sua … freddezza.

Non potete immaginare quanti defunti sono custoditi nelle celle refrigerate degli obitori qui in Italia in attesa del funerale. Nessun parente si vuole occupare del funerale visti gli alti costi che molte imprese funebri applicano …. e così le salme restano per giorni, mesi, anni nelle celle degli obitori …………

Annalisa Maurantonio