Malaria, probabilità contrarre virus Zanzibar

Quante probabilità ci sono di contrarre il virus della malaria a Zanzibar.

La trasmissione della malaria avviene dalla puntura di una zanzara femmina. Il virus attacca i globul i rossi.

State programmando una vacanza a Zanzibar, ma siete un po’ intimoriti per il pericolo di poter contrarre la malaria. Questo malattia, diffusa nelle zone calde e tropicali, viene trasmessa con una puntura di zanzara femmina particolare che attacca i globuli rossi. A Zanzibar vi è il rischio di contrarre la malaria tutto l’anno, ma diventa più elevato nella stagione delle piogge. Allo stato attuale non esistono in commercio vaccini contro la malaria. La profilassi contro questa malattia consiste in una terapia antibiotica che però può portare effetti collaterali. Il virus si manifesta dopo circa 10 – 15 giorni dalla puntura. Inizialmente i sintomi si presentano con fenomeni di stanchezza, irritabilità, inappetenza, e sonno disturbato. Poi seguono febbre alta e brividi, segnali che possono essere anche confusi con quelli di una banale influenza. In realtà bisogna fare molto attenzione a questi sintomi, soprattuto se la febbre si alza all’improvviso fino a raggiungere al temperatura di 40 gradi e a volte anche oltre, accompagnata da respiro affannoso. Quando la febbre si abbassa il malato incomincia a sudare copiosamente. Vi sono anche altri sintomi che indicano un contagio da malaria: nausea, ingrossamento anomalo della milza e dolori alla schiena. Nel caso la malaria dovesse colpire i reni, la quantità di urina prodotta è scarsa, se invece dovesse colpire il cervello si possono avere convulsioni o perdita di conoscenza. Per evitare le punture di zanzara è consigliato l’uso di repellenti e non esporsi nelle ore che vanno dal tramonto all’alba, periodo di attività delle zanzare portatrici di malaria. Le grandi strutture alberghiere sono inoltre dotate di zanzariere in ogni locale.

Rossella Biasion