Ladro trova cadavere dove sta rubando e chiama la polizia

Ladro trova cadavere nell’appartamento dove sta rubando e chiama la polizia.

Il furfante mentre al buio stava cercando soldi e gioielli è andato a sbattere contro due piedi che penzolavano dal soffitto.

Era entrato in quell’appartamento a rubare soldi e gioielli, ma una volta dentro è andato letteralmente a sbattere contro un cadavere. Lo spavento è stato così forte che il ladro ha chiamato immediatamente la polizia spiegando chi fosse, perché si trovava lì e la macabra scoperta. E’ andata male al furfante introdottosi furtivamente in una casa di Hamilton in Nuova Zelanda. A momenti non moriva lì su colpo quando al buio ha visto penzolare due piedi a pochi millimetri dal suo viso. Davanti a sé c’era il corpo privo di vita di un uomo che pendeva dal soffitto. Preso dall’angoscia ha iniziato a urlare a più non posso, ma i vicini di casa credendo fosse in atto una lite domestica non hanno dato peso a tutto quel baccano provenire dall’appartamento accanto. Rimasto a tu per tu con il morto, al topo d’appartamento non è rimasto altro che allertare la polizia riferendo con fare molto concitato di aver trovato un cadavere in una casa e di intervenire subito. Al telefono il ladro ha dovuto spiegare all’operatore della centrale operativa, come è di prassi, chi fosse e perché si trovasse in quell’abitazione. L’uomo non ha negato la sua vera identità e il motivo della sua presenza proprio in quell’alloggio. Al loro arrivo gli agenti della Polizia di Hamilton hanno trovato ad attenderli il furfante piuttosto agitato e all’interno della casa un cadavere che penzolava dal soffitto. Dopo aver effettuato i primi accertamenti, hanno scoperto che la persona priva di vita era il proprietario dell’appartamento suicidatosi con una corda. Chissà se in futuro lo sfortunato ladro ci penserà due volte prima di tentare un altro colpo.

Rossella Biasion