Halloween 2015, la vera storia: zombie, morti e streghe

Finalmente è arrivata la festa che più mi piace di tutto l’anno, Halloween!

Questa festa pagana, di origine anglosassone, si celebra la notte del 31 Ottobre.

Originariamente nasce in Irlanda per celebrare il capodanno celtico. Così si diffuse l’abitudine ad accendere delle fiaccole fuori dalle case ed a lasciare cibo o bevande per le anime dei defunti pronti a visitare i propri familiari. L’idea di lasciare del cibo nacque dal fatto di consentire ai defunti di rifocillarsi affinchè non facessero scherzi ai viventi.Le forme macabre, che ben conosciamo oggi, dei personaggi che popolano questa tradizione, sono nate quando è arrivata negli Stati Uniti.

Il simbolo emblema della festa di Halloween è la zucca intagliata che deriva dalla favola di Jack O’Lantern, un ubriacone che vendette la sua anima al diavolo così da essere costretto a vagare con una lanterna in mano. Da qui in avanti i personaggi che rappresentano l’oscuro, e tutto ciò che è “spaventoso” alla nostra mente, diventa motivo di festeggiamento.

Via libera agli zombi che per una notte si divertiranno a vagare per le città spaventando i passanti, alle streghe di tutto il mondo che daranno sfogo alle loro magie con incantesimi e sortilegi, ai mostri di ogni genere e ai fantasmi che faranno festa in questa magica notte. I bambini, invece, si divertiranno a girare per le case travestiti e, bussando ad ogni porta con la loro tipica frase “dolcetto o scherzetto”, raccoglieranno un’ immensa quantità di dolci.

Anche gli adulti festeggeranno, decorando le proprie abitazioni con zucche intagliate e candele di ogni tipo, travestendosi e cucinando piatti che ricordino tutto quello che può avere una forma mostruosa per dimenticare tutti i malanni.

Buon Halloween a tutti!

Linda M