Durante uno sfratto ritrovano una donna morta da due anni

A Roma durante un operazione di sfratto le autorità ritrovano il cadavere di una donna di 63 anni.

Ritrovato il cadavere di una donna, durante uno sfratto in un abitazione sita nel quartiere romano di Ponte di Nona.

Qualche giorno fa un ufficiale giudiziario mentre si trovava ad eseguire uno sfratto in un abitazione sita in in viale Caltagirone nel quartiere romano di Ponte di Nona, ha ritrovato il cadavere di una donna di 63 anni. Il corpo in uno stato di semi mimmificazione ritrovato a terra, vicino al letto, appartiene a Maria Carmela Privitera, un insegnante in pensione morosa. Una volta allertate le forze dell’ordine sono giunti sul posto gli agenti del commissariato Casilino Nuovo, la scientifica e la Squadra Mobile.

La cosa che più stupisce è l’assenza di una denuncia per scomparsa dell’anziana donna, che risulterebbe non avere parenti o amici stretti. Gli stessi vicini di casa, nonostante la posta della donna fosse intasata e dal suo appartemento provenisse un odore nausebondo, si sono accorti della sua scomparsa soltanto in seguito all’irruzione dell’ufficiale giudiziario inviato dal tribunale per eseguire lo sfratto della donna morosa. A breve verrà effettuato un esame autoptico per chiarire sia i tempi che la modalità della morte della signora Privitera.

Uno dei vicini di casa della donna, Enrico Maria Trusiani,ha dichiarato in merito all’orribile ritrovamento: “Abito sopra la signora e quell’odore terribile l’ho sentito per la prima volta nel gennaio del 2014, venti mesi fa. Abbiamo scritto all’amministratore qualcuno ha chiamato anche le forze dell’ordine”.

Cettina La Fata