Come scaricare al 730 funerale

Quali sono le modalità e i limiti per scaricare un funerale nel 730?

Le spese funebri sono detraibili nel 730 per i parenti, anche se il familiare non è a carico.

Tra le tante preoccupazioni che affliggono chi perde una persona cara, purtroppo ci sono anche quelle burocratiche, soprattutto in relazione alle spese funebri. Un dato positivo è che chi si fa carico di tali spese, può scaricarle nel modello 730. Ci sono però alcune cose da sapere sulle modalità di compilazione. Innanzitutto, quali sono i parenti che possono usufruire della detrazione? Primo tra tutti, il coniuge, seguito da: figli, genitori, genero e nuora, suocero e suocera, fratelli e sorelle. Nel caso in cui più di un parente si faccia carico della spesa, è anche possibile chiedere la detrazione anche solo per la cifra sborsata singolarmente. La cifra detraibile è pari al 19% della spesa, fino ad un massimo di 1.549,37 euro.

Vediamo ora i dettagli della compilazione del modello 730/2015.

La cifra della spesa va inserita nel Quadro E. Nelle righe denominate E8, E9, E10, E11 ed E12 va inserito invece il codice numero 14. E’ inoltre possibile inserire anche più di una spesa funebre. Non sono, invece, detraibili le spese anticipate o quelle relative ad un’eventuale esumazione, estumulazione o reinumazione.

Spesso, purtroppo, colti alla sprovvista o dal dolore, non si pensa mai al fatto che un funerale comprenda anche un lungo iter burocratico. Ecco perché la scelta dell’agenzia funebre diventa fondamentale, se non si vuole aggiungere altro stress al già critico momento della perdita di un familiare. Non tutte le agenzie sono in grado di offrire un servizio completo che segua passo passo le esigenze di chi si fa carico dell’organizzazione di un funerale. Se il lutto si è verificato a Milano e Lombardia, l’ Outlet del Funerale saprà garantirvi un aiuto completo e concreto, anche grazie al servizio Post Mortem, ideato specificatamente per la gestione di tutte le pratiche amministrative, legali e fiscali relative al funerale.

Fabiola Ernetti