Com’è morta Edith Piaf

Edith Piaf, il lutto e il declino.

Com’è morta Edith Piaf?

Edith Piaf ha lasciato il segno nel mondo della musica internazionale, la sua voce è stata considerata per molto tempo il simbolo di Parigi, soave e romantica come la città delle luci ha conquistato ed è stata apprezzata con entusiasmo in un momento storico in cui le canzoni non avevano un posto di primo piano nella società. Purtroppo nella vita privata Edith Piaf non è stata fortunata come nel lavoro: in pieno successo si innamora e sposa Marcel Cerdan, campione del mondo di pugilato ma purtroppo l’uomo muore prematuramente in un incidente stradale. Per Edith restare sola, abbandonata dall’unico uomo della sua vita è l’inizio del suo declino comincia a bere e a drogarsi e questo le comporta una vita fatta d’eccessi e disordini che più volte la costringono al ricovero in ospedale. Nonostante la sua carriera va a gonfie vele, la cantante è sempre sull’orlo della bancarotta non riesce a superare i fatti tristi che l’hanno colpita e anche se intrattiene nuove relazioni non dimentica il suo Marcel. Per sopravvivere ai debiti si impegna in tourneè mondiali che la portano allo sfinimento. Gli ultimi anni della sua vita la cantante francese li trascorre in ospedale, depressa e con un aspetto trascurato da far paura, chi l’amata non la riconosce e capisce che è ad un passo dalla fine. Per Edith Piaf cantare è vivere e quando anche la musica la lascia al suo destino l’artista capisce che non c’è più un futuro, si è abbandonata a se stessa e la morte è l’unica via d’uscita in una vita che non ha più senso. La cantante muore l’11 ottobre 1963, a 48 anni. Tre giorni dopo viene sepolta, per suo espresso desiderio, al Père-Lachaise, insieme alla figlia e al padre. Il luogo è ancora oggi visitato da tantissimo fans.