Bimbo di 4 anni muore: curato solo con l’omeopatia

Bimbo muore: colpa delle cure omeopatiche?

Morte di un bimbo di 4 anni: curato con l’omeopatia.

bimbo di 4 anni è morto a causa di una insufficienza respiratoria dovuta ad una forma virale, probabilmente una polmonite. Il piccolo a quanto pare era stato curato solo con l’omeopatia. I fatti risalgono al 2011 e si sono svolti in provincia di Lecce: vedono coinvolti i medici che hanno accolto al pronto soccorso il corpo gracile del piccolo e i genitori che al momento della richiesta d’aiuto hanno dichiarato di aver portato il bambino vivo in pronto soccorso. Inoltre, i genitori hanno dichiarato che lo stavano curando con dei farmaci omeopatici. In seguito alle indagine e ad un giusto processo i dottori sono stati prosciolti, mentre i genitori sono stati accusati di omicidio colposo. A quanto pare, il padre del piccolo, noto medico omeopata del luogo, curava il figlio solo con dei farmaci non in grado di sopperire al malessere sopraggiunto. Secondo quanto dichiarato dai dottori del pronto soccorso, il bambino era anche malnutrito e affetto d’altre patologie minori che ne determinavano la anormale crescita. Ora resta da capire se i genitori avessero potuto fare di più per salvarlo o se il loro modo di vita, scelto e non giudicabile, sia inapplicabile per la salute di un minore che necessita di tutte quelle attenzioni fisiche, psicologiche, ma soprattutto nutrizionali, per crescere sano e forte.

Che sia per moda o per cultura chi opta per una strada alternativa da quella normale dovrebbe valutare anche le conseguenze che possono verificarsi su chi subisce senza potersi oppore. Un padre decisamente troppo sicuro di se che ha messo in pericolo la vita del figlio aspettando l’ultimo momento per ammettere d’aver sbagliato. Ora tra medici legali e periti, intenti a stabilire colpe e responsabilità, c’è un genitore, medico omeopata, che non ha tenuto conto di nessun effetto collaterale e che adesso paga un prezzo decisamente molto alto rispetto ad un modo di vita scelto, salutare ma non troppo!