A chi rivolgersi in caso di successione ed eredità

L’iter da seguire per la dichiarazione di successione.

Adempimenti fiscali in ambito ereditario.

In caso di decesso di un familiare la legge italiana prevede un iter specifico per la dichiarazione di successione da parte dei parenti in linea diretta. Per tale procedura non è al momento prevista una via telematica, pertanto andrà svolta interamente in forma cartacea, da presentare agli organi preposti. Innanzitutto va precisato che la denuncia di successione non è obbligatoria per tutti, infatti, la legge esenta dalla presentazione “il coniuge, i figli, i genitori e gli altri parenti in linea retta quando l’ammontare dell’eredità non supera i 100.000,00 euro e non comprenda beni immobili”. Sono invece obbligati gli eredi, i legatari (cioè coloro che non partecipano all’intera eredità), gli esecutori testamentari e i curatori. Per compilare la dichiarazione di successione esistono tre possibili strade, la prima è rivolgersi al CAF (centro di assistenza fiscale) che provvederà alla compilazione del modulo 4 specifico per tale procedura e alla comunicazione presso l‘Agenzia delle Entrate. La seconda possibilità avviene attraverso l’assunzione di un notaio o di un commercialista i quali procederanno alla compilazione della denuncia. La terza strada è rappresentata dall’auto-compilazione del modulo, ma se non si ha un minimo di esperienza in tale campo è preferibile evitarla, sarà necessario infatti raccogliere l’intera documentazione, redigere il modulo e presentarlo personalmente presso l’Agenzia delle Entrate, inoltre ci sono molti adempimenti fiscale da dover tenere presente, il rischio di commettere errori possono portare a delle sanzioni molto elevate.

Samanta Baldi